Close
da-grandi-pop
Giugno 3, 2020
Social Media

Sostenitori di Black Lives Matter contro il trend dei quadrati neri su Instagram

blackout tuesday post neri

“Usate l’hashtag #BlackoutTuesday, non #BlackLivesMatter”, dicono i sostenitori del movimento, in modo che le voci vitali non vengano offuscate durante il blackout social.

Profilo dopo profilo, i quadrati neri popolavano i feed di Instagram di molte persone martedì mattina, e una rapida ricerca dell’hashtag #BlackLivesMatter ha mostrato una griglia composta quasi interamente da solidi sfondi neri. I quadrati neri avevano lo scopo di mostrare solidarietà per il movimento BlackLivesMatter e per le proteste che hanno travolto gli Stati Uniti nell’ultima settimana dopo la morte di George Floyd, in custodia della polizia. Ma alcuni attivisti dicono che la griglia nera potrebbe causare più danni che benefici, soffocando informazioni vitali e quindi l’amplificazione del movimento.

“Se stai partecipando a questo, non usare il tag #BlackLivesMatter”, l’attore Kumail Nanjiani ha postato su Twitter. “Sta mettendo in secondo piano contenuti importanti e rilevanti. Usa #BlackOutTuesday”.

Alcune persone sono andate su Twitter per supplicare altri di smettere di postare le foto nere con l’hashtag #BlackLivesMatter, dicendo che stava nascondendo informazioni sulle proteste, sui fondi per le cauzioni, e su come aiutare il movimento. Le ricerche di #blacklivesmatter su Instagram hanno rivelato quasi tutti i quadratini neri, con solo pochi post contenenti informazioni. L’amministratore delegato di Instagram Adam Mosseri ha valutato il modo corretto di postare, twittando: “Abbiamo ricevuto la richiesta dalla community che i post relativi al Blackout Tuesday utilizzino l’hashtag #blackouttuesday, e non #blacklivesmatter”.

“Blackout Tuesday – a volte scritto Black Out Tuesday – sembra essere il risultato di un movimento iniziato da due dirigenti dell’industria musicale, Jamila Thomas e Brianna Agyemang. La coppia, entrambe donne di colore, ha chiesto all’industria musicale di sospendere il lavoro e di interrompere la settimana lavorativa “in risposta agli omicidi di George Floyd, Breonna Taylor, Ahmaud Arbery e di innumerevoli altri cittadini neri per mano della polizia”. Usando l’hashtag #TheShowMustMustBePaused, Thomas e Agyemang hanno esortato gli altri a donare per aiutare le famiglie di Floyd, Taylor e Arbery e per imparare ad aiutare il movimento Black Lives Matter.

L’idea di un giorno di blackout è cresciuta, ed è sbocciata nelle proteste dei social media, che rappresentano anche una pausa dalla pubblicazione di altri “normali” argomenti. Alcuni però hanno anche detto che le manifestazioni sui social media non sono andate abbastanza a fondo nella lotta contro il razzismo.

“In un momento come questo, la nostra energia è meglio spenderla amplificando coloro che lavorano per la giustizia, piuttosto che ritirarsi in silenzio per ‘ascoltare'”, ha twittato Arrianna Planey, utente di Twitter. “Ascoltare dovrebbe essere una pratica quotidiana se si è antirazzisti”.

I siti dei social media sono diventati un punto centrale del movimento – stimolando sia l’attività organizzativa che l’ira dei sostenitori.
Twitter ha messo un’etichetta di avvertimento su due dei tweet del presidente Trump la settimana scorsa, quando ha twittato: “Quando inizia il saccheggio, inizia la sparatoria”. Ma Facebook ha lasciato intatti i commenti, spingendo le persone a chiedere un movimento “cancella Facebook”.

 

Per saperne di più sulle nuove tendenze social, visitate il nostro blog!

sviluppo app web roma centro

blackout tuesday instagram

Translate »