Close
da-grandi-pop
2 Marzo, 2018
Social Media

Le stories di Instagram

Stories instagram web

Era il 2016 quando sono state introdotte le famose “stories” su Instagram. Ed oggi come vanno? Sono ancora performanti come 2 anni fa? Stanno cambiando? Vediamo insieme come sono nate e come sfruttarle al meglio!

C’è stato un periodo in cui Snapchat, il social dall’iconico fantasmino giallo, iniziava a farsi largo tra i colossi dei Social Networks. Era diventato infatti, l’incubo di Facebook, Instagram, Twitter e di tutte le principali piattaforme social presenti sulla rete. Snapchat, aveva “rubato” una bella fascia di utenti, soprattutto quelli più giovani. Perché?

Il nuovo social si contraddistingueva per la velocità d’utilizzo e l’istantaneità nella condivisione dei contenuti.

Le stories di Instagram

La prima a correre ai ripari fu proprio Instagram, che lanciò le “Instagram Stories“: ovvero, una funzionalità che permette la condivisione rapida e instantanea di contenuti multimediali con la caratteristica di “svanire” dopo 24 ore. Non è una novità, infatti il funzionamento è molto simile a quello utilizzato da Snapchat. Ma con questa mossa, Instagram ha recuperato quel gap di svantaggio che aveva accumulato. In pochissimo tempo le Stories di Instagram hanno generato un interaction all’incirca di 150 milioni di utenti al giorno! Un bel passo in avanti! Fin da subito il team le introdusse dandogli molta visibilità: infatti venivano visualizzate sopra ogni feed della bacheca.

Nei primi mesi di integrazione, le stories, vennero trattate come un canale alternativo, un qualcosa di aggiuntivo che potesse essere utilizzato come test. Infatti per un autore di rilievo, questo nuovo canale, diventa uno spazio in cui poter sperimentare le proprie immagini, senza correre il rischio di ricevere pochi like.

I video nelle stories

Zuckerberg dichiarò, sempre nel 2016 che le stories, dovevano dare maggior rilievo ai video, ed a tutti quei contenuti “live” che potessero in qualche modo rendere partecipe il follower della vita del profilo seguito! Dal 2016 ad oggi sono state introdotte tantissimi nuovi effetti e funzionalità per rendere sempre più accattivanti e coinvolgenti le stories. Per esempio: gli stickers, le gif, filtri e non per ultimo, i sondaggi!

Stories instagram 1

Le stories per la tua azienda

Oggi le stories di Instagram, non sono più viste come un test, una prova o una feature extra; sono divenute l’essenza stessa di Instagram! Perché chi oggi non sfrutta questa funzionalità, rischia di rimanere indietro rispetto ai competitor. Lo scopo principale non è quello di condividere contenuti, immagini, video; ma l’obbiettivo è quello di rendere partecipe il follower, creare un legame con lui e spronarlo, stimolarlo ed incuriosirlo. Un’azienda che riesce in questo, è sicuramente un’azienda leader!

Caratteristiche principali

  • Le storie sono visibili solo per 24 ore, dopodiché spariscono. O almeno cosi era.
  • Infatti è vero che la durata sia di 24 ore, ma con le ultime funzionalità è possibile “mettere in evidenza” una storia. In questo modo rimarrà visibile anche dopo le 24 ore.
  • Le storie sono diventate un canale di riferimento per i “repost“.
  • Altro vantaggio delle Stories è quello di dare maggiore pulizia allo stream pubblico del proprio account.
  • La componente testuale diviene sempre più centrale! Attenzione a ciò che scrivete!
  • Inoltre nelle stories, è possibile inserire link di collegamento esterni, semplicemente con uno swipe – molto utile per chi vuole aumentare il traffico sul proprio sito o blog – o è possibile inserire pubblicità.
  • Infatti le pubblicità verranno visualizzate esattamente come la storia di un vostro contatto! Ottima soluzione per gli inserzionisti che già ne fanno largo uso.

Conclusione

Le stories di Instagram sono un must per chi vuole aumentare l’interaction sul social. La funzionalità delle stories, nata come un test, è divenuto un canale estremamente strategico e rilevante per chi vuole aumentare la propria performance in rete. Instagram non smette mai di implementare nuove soluzioni e nuovi dettagli, simbolo che l’azienda non vuole cessare l’innovazione. Le Stories, infine, possono essere considerate un ritorno alle origini, dato che si da una centralità maggiore alla componente “temporale“, in contrapposizione all’algoritmo del feed basato sull’interazione.

 

Ti è tornato utile questo articolo? Non perderti gli altri approfondimenti sul mondo di Instagram sul nostro BLOG! Se invece vuoi approfondire il digital marketing,  affidati a degli esperti del settore, che aspetti? Vieni a prenderti un caffè nella nostra sede!

 

sviluppo app web roma centro- stories

Riccardo de Bernardinis è nato a Roma nel 1994, ha frequentato molti corsi in città americane tra Miami, Boston, Los Angeles e San Diego. La sua passione per la cultura americana lo ha portato ad iscriversi alla John Cabot, la prima università americana in Italia. Nel 2016 ha lanciato Ernesto.it, una delle principali piattaforme web e Apps nel mercato italiano dei servizi per la casa. Dopo un anno, ha chiuso il primo Round d' investimento con uno dei più importanti imprenditori sudamericani. Nei primi anni di lancio Ernesto è stato selezionato per i più prestigiosi programmi di accelerazione startup dove Riccardo de Bernardinis ha frequentato personalmente incontrando mentor e investitori da ogni parte del mondo. Tra questi, ha frequentato per 3 mesi Plug N Play Tech Center (Cupertino, Silicon Valley), B-Heroes (Milano), Tech Italia Lab (Londra) e Build it Up (Italia). Riccardo ha inoltre fondato Buytron, una prestigiosa software house specializzata in Apps, AI, Piattaforme Web, Branding e servizi digitali. La sua missione è innovare, trasformando l'analogico in digitale.

Translate »