Close
da-grandi-pop
28 Febbraio, 2018
Marketing

Il remarketing: vediamo cos’è

posizionamento brand

Il remarketing

Il Remarketing, conosciuto anche con il nome di Retargeting, è un processo che si innesca quando gli utenti ricevono inserzioni pubblicitarie in relazione alle precedenti azioni su internet. Può essere interpretato come una forma di stalkeraggio in realtà, ma torna molto utile per “convertire” chi non ha concluso il processo di acquisto.

Per spiegarlo con parole più semplici, facciamo un piccolo esempio mettendoci nel ruolo del consumatore:
Immaginate di voler acquistare un paio di cuffie wireless. Cosa fate? Ricercate su internet informazioni riguardanti le cuffie migliori sul mercato. Vi recherete su alcuni siti di e-commerce, come Amazon, per dirne uno. Dopo aver navigato un po’, decidete che magari le cuffie possono aspettare. Chiudete tutto e fate altro. Quando riandrete in internet, su Facebook, su Amazon stesso, o altrove, indovinate cosa troverete nel banner pubblicitario? Esatto, quelle cuffie che non avete ancora acquistato!

Con questo semplice esempio, si ripercorre molto brevemente tutto il processo di acquisto: processo che nasce con l’intenzione di voler acquistare un bene, e finisce con il posticipare l’acquisto. Il retargeting si inserisce esattamente in mezzo, cercando di portare a termine il processo.

Progettato per le aziende

In situazioni come quella dell’esempio appena descritto, in cui le azioni di ricerca del prodotto, non si traducono in vendita o conversione, diventa fondamentale l’utilizzo del remarketing per mantenere viva l’attenzione sul prodotto e stimolare l’utente all’acquisto. Il Remarketing è uno strumento progettato per aiutare le aziende a raggiungere il 98% degli utenti che non hanno effettuato subito l’azione desiderata: come acquisto, iscrizione, ecc.
Più nello specifico, il retargeting consente di tracciare tutti coloro che hanno visitato il nostro sito, utilizzato la nostra app o di cui abbiamo l’email, e successivamente impostare campagne pubblicitarie ad hoc, proprio su quelle piattaforme o siti che saranno più usati dall’utente target.

Il remarketing: vediamo cos'è impresa

Non è gratis ma…

Le azioni di retargeting, che si basano su algoritmi e tracciamenti dei vari interessi dei vostri clienti, non sono gratis. Eppure, in un mondo sempre più denso di informazioni, la funzione di “ricordare gentilmente” al vostro consumatore di concludere l’acquisto, può realmente fare la differenza. Dati concreti parlano di un 50% circa di “recupero“, su quei clienti ancora poco decisi. Tradotto significa che la vostra azienda potrà avere una seconda, se non anche una terza possibilità per far concludere l’acquisto! Non è poco! Inoltre, attraverso il retargeting, possiamo massimizzare l’investimento: immaginate di poter recuperare tutti i clienti che hanno solo effettuato visite fugaci. Il retergeting può essere il vostro asso nella manica!

Aumenta la brand awareness

La brand awaraness è la consapevolezza che il cliente ha della vostra azienda, del vostro brand o del vostro prodotto/servizio. Puntare tutto sulla SEO, ovvero l’ottimizzazione delle ricerche Google, è molto utile per aumentare l’awaraness, ma non è incisivo se parliamo di “conversione“.
Si è già utilizzato più volte il termine “conversione“. Altro non è che un numero: quanti utenti passano dall’attenzione all’acquisto.
Problemi di conversione avvengono soprattutto quando siete una piccola impresa o un piccolo brand che si è affacciato da poco sul mercato. Il remarketing può veramente fare al caso vostro! Non sottovalutate l’efficacia di una giusta pubblicità di remarketing, esattamente diretta a coloro che hanno dimostrato interesse! Sarà come sfondare una porta “socchiusa“.

Se vuoi saperne di più sul marketing continua a seguire il nostro BLOG. Oppure vieni a trovarci nella nostra sede! Troverai professionisti del settore!

 

sviluppo app web roma centro remarkerting

Riccardo de Bernardinis è nato a Roma nel 1994, ha frequentato molti corsi in città americane tra Miami, Boston, Los Angeles e San Diego. La sua passione per la cultura americana lo ha portato ad iscriversi alla John Cabot, la prima università americana in Italia. Nel 2016 ha lanciato Ernesto.it, una delle principali piattaforme web e Apps nel mercato italiano dei servizi per la casa. Dopo un anno, ha chiuso il primo Round d' investimento con uno dei più importanti imprenditori sudamericani. Nei primi anni di lancio Ernesto è stato selezionato per i più prestigiosi programmi di accelerazione startup dove Riccardo de Bernardinis ha frequentato personalmente incontrando mentor e investitori da ogni parte del mondo. Tra questi, ha frequentato per 3 mesi Plug N Play Tech Center (Cupertino, Silicon Valley), B-Heroes (Milano), Tech Italia Lab (Londra) e Build it Up (Italia). Riccardo ha inoltre fondato Buytron, una prestigiosa software house specializzata in Apps, AI, Piattaforme Web, Branding e servizi digitali. La sua missione è innovare, trasformando l'analogico in digitale.

Translate »