Close
da-grandi-pop
Dicembre 19, 2018
Interviste

#StartupStories | ForTune

ForTune Intervista Buytron

Per la puntata numero 5 della rubrica #StartupStories, Buytron Agency ha intervistato il team di ForTune. Ecco cosa abbiamo scoperto:

 

Cos’è ForTune e come funziona?

ForTune è una piattaforma che crea una playlist personalizzata di podcast, news e musica basata sugli interessi degli utenti.

Non serve cercare: ForTune propone solo i podcast più interessanti alternati alla propria musica preferita: un’esperienza d’ascolto su misura. Ed è compatibile con gli smart Speaker Amazon Echo.

In auto, in metropolitana o in casa con un semplice comando vocale, gli utenti possono focalizzarsi su ciò che gli piace.

I brands possono promuovere i propri messaggi ad una audience scelta e targettizzata.

Infine, gli autori possono parlare direttamente con il loro pubblico e dimenticarsi della distribuzione: ForTune invia i loro contenuti direttamente al loro pubblico attraverso algoritmi di deep learning.

Il modello di revenue è basato su due differenti streams:

Lato B2C, una subscription mensile per accedere a contenuti esclusivi.

Lato B2B, sulla vendita di serie originali a brands interessate a investire sul modello pubblicitario in più rapida ascesa degli ultimi 2 anni: l’audio adv.

Fortune interview buytron

Come è nata l’idea?

L’idea è nata durante i numerosi viaggi in auto, verso il lavoro. In coda nel traffico ci siamo resi conto di saltellare tra quei 6 pulsanti delle stazioni radio, provando a evitare la pubblicità, lo speaker noioso, la canzone già sentita. Ci eravamo resi conto di essere NOI a inseguire il contenuto. Così ci siamo chiesti… e se fosse il contenuto a venire da noi??

 

Quale credete sia la caratteristica di ForTune che vi contraddistingue rispetto ai principali competitor?

Secondo i dati Nielsen, oggi in Italia solo il 14% degli italiani usa abitualmente i podcast mentre il 23% non sa ancora cosa siano. D’altra parte però, in 3 anni si è assistito ad una crescita esponenziale: da 850k utilizzatori del 2015, si è passati in 3 anni a oltre 2,7 milioni.

Cosa succede all’86% degli italiani che lo scoprono ma non lo ascoltano abitualmente?

Da una parte, la difficoltà maggiore per chi si affaccia a questo nuovo media è proprio la discovery: scoprire un contenuto audio è molto più difficile, ad esempio, rispetto ad un video.

Quando scegliamo un video abbiamo molte informazioni per capire di cosa tratterà: basta scorrere l’anteprima e capiamo il contesto e la qualità. Diverso è per l’audio, in cui siamo costretti a scegliere solo da una copertina.

Noi vogliamo essere il primo punto di contatto in Italia per questo nuovo media, il podcast: la prima esperienza di ascolto, dando agli ascoltatori esattamente quello che gli piace, basato sulla selezione di contenuti di qualità targettizzati sui loro interessi. Nessuno ad oggi fa questo servizio.

Allo stesso tempo, la disponibilità dei contenuti di qualità. Ci sono produttori validi ma ancora relegati in fondo alle classifiche di iTunes, che premiano invece solo i grandi Network.

Noi diamo voce a chi non ne ha la forza di distribuzione di grandi player, ma produce podcast di qualità.

Queste due caratteristiche insieme, ci rendono unici nel panorama internazionale.

Fortune piattaforma podcast buytron

Oltre alla possibilità di ascoltare podcast e creare playlist personalizzate, vi siete lanciati anche nella produzione di contenuti originali. Che sfida rappresenta la produzione di podcast originali?

Veniamo dalla Radio e dal Podcasting e la produzione è stato da sempre per noi un tema centrale. Tutti i grandi network americani hanno shiftato verso la produzione, perché è quella che nel lungo periodo, dà un vantaggio competitivo. Il mercato di produzione dei contenuti in Italia in questo format è ancora alle origini e vogliamo posizionarci come leader, con il vantaggio di detenere anche la distribuzione.

Ad oggi abbiamo due serie originali all’attivo: Trend, che tratta dei prossimi trend del futuro tra blockchain, automotive e AI. E La Casa Nella Notte, una serie thriller fiction, una vera e propria esperienza audio immersiva.

Oltre a queste, operiamo in esclusiva con altri grandi Partner interessati a veicolare messaggi in questo nuovo formato.

 

Come pensate di crescere in futuro e su quali progetti state attualmente lavorando?

Stiamo assistendo sempre più ad uno spostamento dal video all’audio. Gli smart speakers sono la prova tangibile di questo shift: in soli due anni il 18% degli americani ne ha uno, con una crescita stimata del +430% nei prossimi 3 anni.

Crediamo che la sfida di domani sarà sulla voce e stiamo pertanto integrando tutti i nostri servizi con Amazon Alexa per portare il vantaggio di avere il tuo flusso personalizzato oggi con un click, e domani con un unico comando vocale.

 

 

 

Continuate a seguire il nostro blog per continuare il viaggio alla scoperta delle aziende del futuro e per rimanere aggiornati su tutti i temi più importanti del mondo Digital!

sviluppo app web roma centro- bot instagram

Riccardo de Bernardinis è nato a Roma nel 1994, ha frequentato molti corsi in città americane tra Miami, Boston, Los Angeles e San Diego. La sua passione per la cultura americana lo ha portato ad iscriversi alla John Cabot, la prima università americana in Italia. Nel 2016 ha lanciato Ernesto.it, una delle principali piattaforme web e Apps nel mercato italiano dei servizi per la casa. Dopo un anno, ha chiuso il primo Round d' investimento con uno dei più importanti imprenditori sudamericani. Nei primi anni di lancio Ernesto è stato selezionato per i più prestigiosi programmi di accelerazione startup dove Riccardo de Bernardinis ha frequentato personalmente incontrando mentor e investitori da ogni parte del mondo. Tra questi, ha frequentato per 3 mesi Plug N Play Tech Center (Cupertino, Silicon Valley), B-Heroes (Milano), Tech Italia Lab (Londra) e Build it Up (Italia). Riccardo ha inoltre fondato Buytron, una prestigiosa software house specializzata in Apps, AI, Piattaforme Web, Branding e servizi digitali. La sua missione è innovare, trasformando l'analogico in digitale.

Translate »