Close
da-grandi-pop
10 Febbraio, 2020
Business

Startup: 10 consigli per avviarla più velocemente

Startup idee imprenditoriali

La cultura delle startup è piena di persone che vogliono, e ci provano, ma non riescono a far decollare la loro attività. Perché succede questo? Gran parte del motivo ha a che fare con il fatto che molti imprenditori non sanno come portare il loro business dal punto A al punto B. Il punto A è quella brillante idea nella mente dell’imprenditore. B è quello stato successivo, auspicato, in cui l’impresa è sicura, si è stabilita e fa soldi. “In mezzo” è dura.
In termini di strategie, uno dei modi migliori per costruire il vostro business è quello di portare questa idea nella vostra testa sul mercato il prima possibile. Perché i ritardi uccidono. La velocità fa risparmiare. La vostra startup potrebbe aver bisogno di consigli.

Ecco cinque consigli su come lanciare la vostra startup più velocemente:

1. Iniziate e basta.

Secondo la mia esperienza, il primo fra i consigli riguarda il fatto che è più importante partire che partire col piede giusto. Pensateci. Se non iniziate la vostra attività, non succederà nulla. Qualunque cosa vi impedisca di avviare è proprio ciò che dovete ignorare o affrontare a testa alta. Quindi…. Scrivete la prima riga del codice.
Registrate il dominio. Disegnate il prodotto. Disegnate il prototipo. Non c’è niente che ti impedisce di iniziare la tua attività, tranne te stesso. Fate la prima cosa che deve essere fatta.

2. Vendete qualsiasi cosa.

Ci sono alcuni imprenditori che sanno esattamente cosa vogliono vendere. Ci sono altri imprenditori che non hanno idea di cosa vogliono vendere. Vogliono solo vendere qualcosa. Ecco il mio consiglio: Vendi qualsiasi cosa. Molti dei più grandi imprenditori del mondo non stanno vendendo niente di nuovo. Lo vendono in modo diverso o migliore: Sam Walton (Wal-Mart) ha venduto la stessa cosa che si può trovare in qualsiasi negozio di alimentari a cinque stelle o all’angolo. Ted Turner vendeva semplicemente trasmissioni televisive e pubblicità. Howard Schultz vendeva caffè. Warren Buffett comprava e vendeva le azioni di altre persone. Gli imprenditori non sono sempre innovatori. Si può prendere il prodotto di qualcun altro e venderlo. Richard Branson, dopo tutto, ha lanciato la Virgin Airlines in preda alla disperazione. Era diretto alle Isole Vergini per un intermezzo romantico. Ma il suo volo è stato cancellato. Così, ha noleggiato un volo privato, nonostante la sua mancanza di soldi per pagarlo. Ecco come ha descritto quello che è successo dopo:
Ho preso una piccola lavagna, ho scritto “Virgin Airlines. 29 dollari” e andai dal gruppo di persone che erano state sul volo che era stato cancellato. Ho venduto i biglietti per il resto dei posti sull’aereo, ho usato i loro soldi per pagare l’aereo noleggiato e siamo andati tutti alle Isole Vergini quella sera. Hai ricevuto il messaggio? Vai avanti e vendi qualcosa. Qualsiasi cosa.

3. Chiedete consigli a qualcuno per la startup

Quando si avvia un’impresa, non si hanno sicuramente tutte le risposte. Per esempio, dovrai farti incorporare, ma come? S-Corporation, C-Corporation o SRL?
Per ottenere queste risposte, chiedete a un avvocato competente. L’avvocato vi fornirà un consiglio: dite che si tratta di avviare una S-Corporation. Ma, poi cosa succede? Chiedete all’avvocato di farlo per voi. Immediatamente, avrete ottenuto un esperto che sta mettendo in pratica i suoi consigli per il vostro denaro. Pagamento? Potete ricompensare l’avvocato con delle azioni o con un pagamento differito. Quando sorge un problema e non avete la risposta, trovate qualcuno che lo faccia. Poi, quando questo esperto vi dà un consiglio – sia che si tratti di best practice aziendali, sedi di produzione, design del logo, contabilità, qualsiasi cosa – chiedete a quella persona di farlo.
La vostra azienda ha bisogno di più aiuto, conoscenze e competenze professionali di quanto tempo abbiate a disposizione. Fate in modo che le persone lavorino per voi.

4. Assumete lavoratori a distanza.

Se volete trovare il talento migliore e più conveniente, potreste non trovarlo nella porta accanto. Siate disposti ad assumere lavoratori a distanza per ottenere un ottimo lavoro.

5. Assumere lavoratori a contratto.

Diventare un datore di lavoro porta con sé un sacco di bagagli. Potrebbe, infatti, formare una barriera tale da rallentare il processo di avvio. Inoltre, poche persone saranno disposte a fare il grande passo per diventare l’impiegato di una tenue startup. Invece di assumere dipendenti, assumere su base contrattuale. Il punto è che bisogna trovare un modo per far sì che i talenti forniscano i loro servizi. Non lasciate che l’accordo specifico si metta in mezzo.

azienda lancio business

6. Trovate un co-fondatore per la vostra startup

Per me, avviare un’impresa richiedeva molto di più del duro lavoro e della passione. Ci sono volute l’ispirazione e le competenze di un co-fondatore. I Venture Capital sono più propensi a investire in una startup che ha un team di fondatori, non un individuo fondatore. Anche avere tre co-fondatori non è troppo, a patto di avere una chiara gerarchia decisionale.
I co-fondatori possono fornirvi le competenze che vi mancano e portarvi più lontano di quanto vi sareste mai aspettati.

7. Lavorate con qualcuno che vi spinge all’estremo.

Uno dei motivi per cui Steve Jobs è riuscito a far crescere Apple in uno dei marchi più innovativi e preziosi al mondo è stato perché ha spinto le persone. Ecco come ha descritto il suo approccio manageriale.
”Il mio lavoro è quello di non essere facile con le persone. Piuttosto è quello di renderle migliori. Il mio lavoro è quello di mettere insieme le cose da diverse parti dell’azienda e chiarire le strade e ottenere le risorse per i progetti chiave. E di prendere queste grandi persone che abbiamo e di spingerle e renderle ancora più brave, elaborando visioni più aggressive di come potrebbe essere.”
Certo, Jobs potrebbe essere aggressivo e scortese, ma potrebbe anche attingere dalle persone meglio di quanto pensavano che il loro meglio potesse mai essere. Si possono trovare le stesse qualità in un cofondatore, in un partner, in un amico, in un mentore o in un dipendente. E, cosa ancora più importante, è possibile fornire lo stesso livello di aspettative ai membri del proprio team. Come diceva Jobs: “Aspettandosi che facciano grandi cose, puoi far sì che facciano grandi cose”.

8. Non concentratevi sui soldi.

Il Blog Creativo ha questo gioiello di consigli per quanto riguarda le startup: “Non preoccupatevi necessariamente della provenienza del reddito. Un buon prodotto/servizio troverà sempre un modo per fare soldi”.
Questo è vero. Un’attenzione miope per il denaro può portare il vostro business fuori strada. Che si tratti di finanziamenti, capitale, prestiti commerciali o del modello di prezzo perfetto, lasciate perdere e lasciate che le cose evolvano. La crescita non è uguale ai finanziamenti. Crescita significa hackerare, sforzarsi, vendere e fare cose diverse dal chiedere soldi.

9. Spendere tempo e denaro in marketing.

Il marketing è una delle cose migliori che potete fare per il vostro business. Quando commercializzate il vostro prodotto o servizio, lo otterrete di fronte alle persone che lo acquisteranno. Il marketing non è una perdita di tempo. È uno dei migliori investimenti iniziali che potete fare nel vostro business.

10. Parlate con i vostri potenziali clienti.

Una startup non esiste solo nella mente dell’imprenditore. Una startup esiste nel panorama dei clienti e dei potenziali clienti.
Se ci saranno persone che compreranno o useranno il vostro prodotto, dovete imparare tutto il possibile su queste persone, da queste persone e per queste persone. La vostra azienda vivrà o morirà in base alla loro ricettività al prodotto o al servizio.
Prima imparerete a conoscere i vostri clienti, più velocemente sarete in grado di convertirli e di servirli meglio.

Conclusione

Partire veloci non significa che si debba forzare la scalatura. La scalatura è qualcosa che avviene con attenzione, in una cadenza misurata.
Iniziare velocemente significa sfruttare tutte le risorse possibili per concentrarsi su una cosa: iniziare. Iniziare è la cosa principale. Una volta che la vostra attività è avviata, tutto il resto è possibile. Una partenza è una corsa. Più sei veloce, più è probabile che tu vinca alla grande.
Quali sono i vostri consigli per lanciare la vostra startup più velocemente?

 

Se vuoi sapere di più, visita il nostro Blog!

Se invece vuoi altre notizie dal nostro mondo, visita Ernesto.it!

sviluppo app web roma centro- bot instagram

Riccardo de Bernardinis è nato a Roma nel 1994, ha frequentato molti corsi in città americane tra Miami, Boston, Los Angeles e San Diego. La sua passione per la cultura americana lo ha portato ad iscriversi alla John Cabot, la prima università americana in Italia. Nel 2016 ha lanciato Ernesto.it, una delle principali piattaforme web e Apps nel mercato italiano dei servizi per la casa. Dopo un anno, ha chiuso il primo Round d' investimento con uno dei più importanti imprenditori sudamericani. Nei primi anni di lancio Ernesto è stato selezionato per i più prestigiosi programmi di accelerazione startup dove Riccardo de Bernardinis ha frequentato personalmente incontrando mentor e investitori da ogni parte del mondo. Tra questi, ha frequentato per 3 mesi Plug N Play Tech Center (Cupertino, Silicon Valley), B-Heroes (Milano), Tech Italia Lab (Londra) e Build it Up (Italia). Riccardo ha inoltre fondato Buytron, una prestigiosa software house specializzata in Apps, AI, Piattaforme Web, Branding e servizi digitali. La sua missione è innovare, trasformando l'analogico in digitale.

Translate »