Close
da-grandi-pop
Febbraio 11, 2020
Business

Avviare una startup: come trovare l’idea giusta

come pensare a nuove idee per una startup

Come ottenere idee per l’avvio di una startup

Il modo per ottenere idee per l’avvio di una start up non è quello di cercare di pensare a nuove idee. È cercare i problemi, preferibilmente quelli personali.

Le migliori idee di startup tendono ad avere tre cose in comune: sono qualcosa che i fondatori stessi vogliono, che loro stessi possono costruire, e che pochi altri si rendono conto che vale la pena di fare. Microsoft, Apple, Yahoo, Google e Facebook hanno iniziato in questo modo.

 

Le migliori idee nascono dai problemi

Perché è così importante lavorare su un problema che si ha? Tra le altre cose, garantisce che il problema esista davvero. Sembra ovvio dire che si dovrebbe lavorare solo sui problemi che esistono. Eppure l’errore di gran lunga più comune che si commette all’inizio è quello di risolvere problemi che nessuno ha.

L’ho fatto io stesso. Nel 1995 ho fondato un’azienda per mettere online le gallerie d’arte. Ma le gallerie non volevano essere online. Non è così che funziona il business dell’arte. Allora perché ho passato 6 mesi a lavorare a questa stupida idea? Perché non ho prestato attenzione agli utenti. Ho inventato un modello del mondo che non corrispondeva alla realtà, e ho lavorato a partire da questo. Non mi sono accorto che il mio modello era sbagliato finché non ho cercato di convincere gli utenti a pagare per quello che avevamo costruito. Già allora mi ci è voluto un tempo eccessivo per capirlo. Ero attaccato al mio modello del mondo e avevo dedicato molto tempo al software. Dovevano volerlo!

Perché tanti fondatori costruiscono cose che nessuno vuole? Perché cominciano cercando di pensare a delle idee per l’avvio. Questo modus operandi è doppiamente pericoloso: non produce solo poche buone idee, ma anche cattive idee che sembrano abbastanza plausibili da indurti a lavorarci sopra.

Noi di YC le chiamiamo idee di startup “inventate” o “sitcom”. Immaginate che uno dei personaggi di un programma televisivo stia avviando una startup. Gli sceneggiatori dovrebbero inventare qualcosa per farlo. Ma inventarsi delle buone idee di startup è difficile. Non è qualcosa che si può fare per chi lo chiede. Quindi (a meno che non fossero stati incredibilmente fortunati) gli scrittori avrebbero avuto un’idea che sembrava plausibile, ma che in realtà era pessima.

Per esempio, un social network per i proprietari di animali domestici. Non sembra ovviamente sbagliato. Milioni di persone hanno animali domestici. Spesso si preoccupano molto dei loro animali domestici e spendono molti soldi per loro. Sicuramente molte di queste persone vorrebbero un sito dove poter parlare con altri proprietari di animali. Non tutti, forse, ma se solo il 2 o 3 % fossero visitatori abituali, si potrebbero avere milioni di utenti. Potreste proporgli offerte mirate, e magari far pagare per le funzioni premium.

Il pericolo di un’idea come questa è che quando la avvii per i tuoi amici con animali domestici, non ti dicono “Non la userei mai”. Dicono: “Sì, forse potrei usare una cosa del genere”. Anche quando la startup verrà lanciata, sembrerà plausibile a molte persone. Non vogliono usarlo loro stessi, almeno non in questo momento, ma potrebbero immaginare che altre persone lo vogliano. Somma questa reazione in tutta la popolazione, e si hanno zero utenti!

nuove idee per diventare imprenditori

 

 

Chi necessita della tua startup?

Quando una startup viene lanciata, ci devono essere almeno alcuni utenti che hanno davvero bisogno di quello che stanno facendo – non solo persone che potrebbero vedersi usarla un giorno, ma che la vogliono con urgenza. Di solito questo gruppo iniziale di utenti è piccolo, per la semplice ragione che se ci fosse qualcosa di cui un gran numero di persone ha bisogno urgentemente e che potrebbe essere costruito con la quantità di sforzo che una startup di solito mette in una versione uno, probabilmente già esisterebbe. Il che significa che bisogna scendere a compromessi su una dimensione: si può costruire qualcosa che un grande numero di persone vuole in piccola quantità, oppure qualcosa che un piccolo numero di persone vuole in grande quantità. Scegliete la seconda. Non tutte le idee di questo tipo sono buone idee di avvio, ma quasi tutte le buone idee di avvio sono di questo tipo.

Immaginate un grafico il cui l’asse x rappresenti tutte le persone che potrebbero volere quello che state realizzando e il cui asse y rappresenti quanto lo vogliono. Se si inverte la scala sull’asse delle y, si possono immaginare le aziende come dei buchi. Google è un immenso cratere: centinaia di milioni di persone lo usano e ne hanno molto bisogno. Una startup appena avviata non può aspettarsi di ottenere così tanto volume. Quindi hai due scelte sulla forma del buco da cui parti. Si può scavare una buca larga ma poco profonda, oppure una buca stretta e profonda, come un pozzo.

Le idee di partenza inventate sono di solito del primo tipo. Molte persone sono relativamente interessate a un social network per i proprietari di animali domestici.

Quasi tutte le buone idee di avvio sono del secondo tipo. Microsoft era un pozzo quando ha realizzato Altair Basic. C’erano solo un paio di migliaia di proprietari di Altair, ma senza questo software programmavano nel linguaggio di una macchina. Trent’anni dopo, Facebook aveva la stessa forma. Il loro primo sito era riservato esclusivamente agli studenti di Harvard, di cui esistono solo poche migliaia, ma quelle poche migliaia di utenti lo desideravano molto.

Quando hai un’idea per una startup, chiediti: chi lo vuole adesso? Chi lo vuole così tanto da usarlo anche quando si tratta di una versione scadente fatta da una startup composta da due persone di cui non hanno mai sentito parlare? Se non si riesce a rispondere a questa domanda, l’idea è probabilmente non troppo buona.

Non c’è bisogno della ristrettezza del pozzo in sé. È la profondità di cui si ha bisogno; si ottiene la ristrettezza come sottoprodotto dell’ottimizzazione per la profondità (e la velocità). Ma la si ottiene quasi sempre. In pratica il legame tra profondità e ristrettezza è così forte che è un buon segno quando si sa che un’idea farà un forte richiamo ad un gruppo specifico o ad un tipo di utente.

Ma mentre la domanda a “forma di pozzo” è quasi una condizione necessaria per una buona idea di avvio, non è sufficiente. Se Mark Zuckerberg avesse costruito qualcosa che avrebbe potuto attrarre solo gli studenti di Harvard, non sarebbe stata una buona idea di startup. Facebook è stata una buona idea perché è iniziata con un piccolo mercato dal quale c’era una via d’uscita veloce. I college sono abbastanza simili che se si costruisce un Facebook che funziona ad Harvard, funzionerà in qualsiasi college. Così si diffonde rapidamente in tutti i college. Una volta che hai tutti gli studenti del college, ottieni tutti gli altri semplicemente facendoli entrare.

Allo stesso modo per Microsoft: Basic per Altair; Basic per altre macchine; altre lingue oltre a Basic; sistemi operativi; applicazioni; IPO.

 

Come scegliere tra diverse idee

In che modo si fa a capire se c’è una via d’uscita da un’idea? Come si fa a capire se qualcosa è il germe di una gigantesca azienda o solo un prodotto di nicchia? Spesso non è possibile. I fondatori di Airbnb non si sono resi conto all’inizio di quanto grande fosse il mercato che stavano sfruttando. All’inizio avevano un’idea molto più ristretta. Avevano intenzione di far affittare a dei padroni di casa uno spazio nei loro piani durante le convention. Non prevedevano l’espansione di questa idea, ma si sono imposti gradualmente. Tutto quello che sapevano all’inizio era che avevano trovato qualcosa. Probabilmente è quanto Bill Gates o Mark Zuckerberg sapevano fin dall’inizio.

A volte è ovvio fin dall’inizio quando c’è una via d’uscita dalla nicchia iniziale. E a volte riesco a vedere un percorso che non è immediatamente ovvio; questa è una delle nostre specialità a YC. Ma ci sono dei limiti a quanto bene si possa fare, non importa quanta esperienza si abbia. La cosa più importante da capire sui percorsi che escono dall’idea iniziale è il fatto che sono difficili da vedere.

Quindi, se non si può prevedere se c’è un percorso uscente da un’idea, come si fa a scegliere tra le idee? La verità è deludente ma interessante: se sei il tipo di persona giusta, hai le giuste intuizioni. Se sei all’avanguardia in un campo che cambia velocemente, quando hai la sensazione che valga la pena fare qualcosa, è più probabile che tu abbia ragione.

In “Zen e l’arte della manutenzione della moto“, dice Robert Pirsig:

Vuoi sapere come dipingere un quadro perfetto? È facile. Rendi te stesso perfetto e poi dipingi in modo naturale.
Mi sono interrogato da quando l’ho letto al liceo. Non sono sicuro di quanto siano utili i suoi consigli per dipingere in modo specifico, ma si adatta bene a questa situazione. Empiricamente, il modo per avere buone idee di partenza è diventare il tipo di persona che le ha.

Essere all’avanguardia in un campo non significa essere uno di quelli che lo sviluppano. Si può anche essere all’avanguardia come utente. Non è stato tanto perché era un programmatore che Facebook è sembrata una buona idea a Mark Zuckerberg, quanto perché ha usato decisamente tanto i computer. Se nel 2004 aveste chiesto alla maggior parte dei quarantenni se volevano pubblicare la loro vita in modo semi-pubblico su Internet, sarebbero rimasti inorriditi all’idea. Ma Mark viveva già online; a lui sembrava naturale.

Paul Buchheit dice che le persone all’avanguardia in un campo in rapido cambiamento “vivono nel futuro”. Combina questo con Pirsig e ottieni: Vivi nel futuro, poi costruisci ciò che manca.

idee da cui trarre spunto per creare una startup

Questo descrive il modo in cui molte, se non la maggior parte delle più grandi startup hanno iniziato. Né Apple, né Yahoo, né Google, né Facebook dovevano essere aziende all’inizio. Sono cresciute dalle cose che i loro fondatori hanno costruito perché sembrava che ci fosse un “vuoto” nel mondo.

Se si guarda al modo in cui i fondatori di successo hanno avuto le loro idee, è generalmente il risultato di qualche stimolo esterno che ha colpito una mente preparata. Bill Gates e Paul Allen sentono parlare di Altair e pensano: “Scommetto che potremmo scrivere un interprete Basic per questo”. Drew Houston si rende conto di aver dimenticato la sua chiavetta USB e pensa “Ho davvero bisogno di far vivere online i miei file”. Molte persone hanno sentito parlare di Altair. Molti hanno dimenticato le chiavette USB. Il motivo per cui quegli stimoli hanno spinto i fondatori ad avviare aziende è stato il fatto che le loro esperienze li avevano preparati a notare le opportunità che rappresentavano.

Il verbo che si vuole usare rispetto alle idee di startup non è “pensare” ma “notare”. Noi di YC chiamiamo “organiche” le idee che nascono naturalmente dalle esperienze dei fondatori. Le startup di maggior successo iniziano quasi tutte in questo modo.

Forse non era quello che volevate sentire. Forse vi sareste aspettati delle ricette per le idee di startup, e invece vi dico che la chiave è avere una mente preparata nel modo giusto. Ma per quanto deludente possa essere, questa è la verità. Ed è una ricetta di un certo tipo, solo che nel peggiore dei casi ci vuole un anno piuttosto che un fine settimana.

Se non siete all’avanguardia in un campo che cambia rapidamente, potete raggiungerne uno. Ad esempio, chiunque sia ragionevolmente intelligente può probabilmente arrivare a un livello di programmazione (ad es. la creazione di app) in un anno. Poiché una startup di successo consumerà almeno 3-5 anni della vostra vita, un anno di preparazione sarebbe un investimento ragionevole, soprattutto se si è alla ricerca di un cofondatore.

Non è necessario imparare la programmazione per essere all’avanguardia in un dominio che cambia velocemente. Altri domini cambiano velocemente. Ma se imparare ad hackerare non è necessario, è sufficiente per il futuro prevedibile. Come ha detto Marc Andreessen, il software sta mangiando il mondo, e questa tendenza ha ancora decenni di vita.

Saper hackerare significa anche che quando si hanno delle idee, si è in grado di implementarle. Non è assolutamente necessario (Jeff Bezos non ci è riuscito) ma è un vantaggio. È un grande vantaggio, quando stai considerando un’idea su come mettere online un Facebook, se invece di pensare semplicemente “È un’idea interessante”, puoi pensare invece “È un’idea interessante. Proverò a costruirne una versione iniziale stasera”. È ancora meglio quando sei sia un programmatore che l’utente target, perché allora il ciclo di generazione di nuove versioni e di test sugli utenti può avvenire all’interno di una sola testa.

Una buona idea nasce dalla mancanza

Una volta che si vive nel futuro, il modo di notare le idee di avvio è quello di cercare le cose che sembrano mancare. Se si è davvero all’avanguardia in un campo in rapido cambiamento, ci saranno cose che ovviamente mancano. Ciò che non sarà ovvio è che si tratta di idee di startup. Quindi, se volete trovare idee per l’avvio, non limitatevi ad attivare il filtro “Cosa manca?”. Spegnete anche tutti gli altri filtri, in particolare “Potrebbe essere una grande azienda?” C’è un sacco di tempo per applicare quel test in seguito. Ma se ci pensate inizialmente, potrebbe non solo filtrare molte buone idee, ma anche farvi concentrare su quelle cattive.

La maggior parte delle cose che mancano ci vorrà un po’ di tempo per vederle. Devi quasi ingannare te stesso per vedere le idee che ti circondano.

trovare l'idea giusto per una startup

Ma sai che le idee sono là fuori. Questo non è uno di quei problemi per i quali potrebbe non esserci una risposta. È incredibilmente improbabile che questo sia il momento esatto in cui il progresso tecnologico si ferma. Puoi essere sicuro che nei prossimi anni la gente costruirà cose che ti faranno pensare “Cosa facevo prima di x?”

E quando questi problemi saranno risolti, probabilmente, a posteriori, sembreranno lampanti. Quello che dovete fare è spegnere i filtri che di solito vi impediscono di vederli. Il più potente è semplicemente dare per scontato lo stato attuale del mondo. Anche i più radicalmente aperti lo fanno per lo più. Non potresti andare dal tuo letto alla porta d’ingresso se ti fermassi a mettere tutto in discussione.

Ma se sei alla ricerca di idee per l’avvio, puoi sacrificare un po’ di efficienza risultante dallo status quo e cominciare a mettere in discussione le cose. Perché la tua casella di posta in arrivo è stracolma e ricevi molte e-mail, o perché è difficile ricevere e-mail dalla tua casella di posta in arrivo? Quali sono i problemi che le persone cercano di risolvere inviandovi e-mail? Ci sono modi migliori per risolverli? E perché è difficile ricevere e-mail dalla tua casella di posta elettronica? Come mai tieni le email in circolazione dopo averle lette? La posta in arrivo è lo strumento ottimale per questo?

Fate particolare attenzione alle cose che vi irritano. Il vantaggio di dare per scontato lo status quo non è solo quello di rendere la vita (localmente) più efficiente, ma anche di rendere la vita più tollerabile. Se sapeste tutte le cose che otterremo nei prossimi 50 anni ma che ancora non avete, trovereste la vita di oggi piuttosto vincolante, proprio come farebbe qualcuno del presente se venisse mandato indietro di 50 anni in una macchina del tempo. Quando qualcosa ti infastidisce, potrebbe essere perché stai vivendo nel futuro.

Ogniqualvolta trovi il giusto tipo di problema, dovresti essere in grado di descriverlo come ovvio, almeno per te. Quando abbiamo iniziato Viaweb, tutti i negozi online sono stati costruiti a mano, da web designer che creano pagine HTML individuali. Per noi programmatori era ovvio che questi siti avrebbero dovuto essere generati da software.

Il che significa, stranamente, che per proporre idee per l’avvio di un’impresa bisogna vedere l’ovvio. Questo suggerisce quanto sia strano questo processo: stai cercando di vedere cose che sono ovvie, eppure che non avevi visto.

Dato che quello che si deve fare qui è allargare la mente, forse è meglio non fare troppo un attacco frontale diretto al problema – cioè sedersi e cercare di pensare alle idee. Il piano migliore può essere quello di mantenere un processo mentale di fondo, alla ricerca di cose che sembrano mancare. Lavorare su problemi difficili, spinti soprattutto dalla curiosità, ma avere un secondo sé che si guardi alle spalle, prendendo nota delle lacune e delle anomalie.

Concedetevi un po’ di tempo. Hai molto controllo sulla velocità con cui trasformi la tua mente in una mente preparata, ma hai meno controllo sugli stimoli che fanno scattare le idee quando la tua mente è preparata.

Un buon modo per ingannare se stessi e notare le idee è lavorare su progetti che sembrano essere cool. Se lo si fa, si tende naturalmente a costruire cose che mancano. Non sembrerebbe così interessante costruire qualcosa che già esisteva.

Così come cercare di inventare idee di startup tende a produrre idee non buone, lavorando su cose che potrebbero essere relegate a “giocattoli” spesso ne produce di buone. Quando qualcosa viene descritto come un giocattolo, significa che ha tutto ciò di cui un’idea ha bisogno, tranne che essere importante.

È bello, gli utenti lo adorano, ma non importa. Ma se si vive nel futuro e si costruisce qualcosa di bello che gli utenti amano, può essere più importante di quanto possano pensare degli estranei. I microcomputer sembravano giocattoli quando Apple e Microsoft hanno iniziato a lavorarci. Sono abbastanza grande da ricordare quell’epoca; il termine abituale usato per le persone con i loro microcomputer era “hobbisti”. BackRub sembrava un progetto scientifico insignificante. Facebook era solo un modo per gli studenti universitari di perseguitarsi e seguirsi l’un l’altro.

Se ci si può permettere di avere una visione a lungo termine (e probabilmente non ci si può permettere di non farlo), si può trasformare “Vivere nel futuro e costruire ciò che manca” in qualcosa di ancora migliore: “Vivi nel futuro e costruisci ciò che sembra interessante”.

 

Imparare l’imprenditorialità

Questo è ciò che consiglierei di fare agli studenti universitari, piuttosto che cercare di imparare l'”imprenditorialità”. L'”imprenditorialità” è qualcosa che si impara meglio facendola. Gli esempi dei fondatori di maggior successo lo dimostrano chiaramente. Ciò su cui dovresti passare il tuo tempo all’università è il dirigere te stesso verso il futuro. Il college è un’opportunità incomparabile per farlo.

Che spreco sacrificare un’opportunità per risolvere la parte difficile dell’avviamento di una startup – diventare il tipo di persona che può avere idee organiche per l’avviamento – passando il tempo ad imparare la parte facile. Tanto più che non si impara nemmeno a conoscerla, così come non si impara a conoscere il sesso in una classe. Tutto ciò che imparerete sono le parole per le cose.

Lo scontro di domini è una fonte di idee particolarmente fruttuosa. Se sapete molto sulla programmazione e iniziate a conoscere qualche altro campo, probabilmente vedrete dei problemi che il software potrebbe risolvere. In effetti, è doppiamente probabile che si trovino buoni problemi in un altro dominio: (a) gli abitanti di quel dominio non hanno la stessa probabilità degli abitanti del software di aver già risolto i loro problemi con il software, e (b) da quando si entra nel nuovo dominio totalmente ignorante, non si sa nemmeno quale sia lo status quo per darlo per scontato.

Quindi, se sei un laureato in scienze naturali e vuoi avviare una start-up, invece di seguire un corso sull’imprenditorialità, è meglio seguire un corso di, diciamo, genetica. O meglio ancora, vai a lavorare per un’azienda biotecnologica. Le major della CS di solito ottengono lavori estivi presso aziende di hardware o software. Ma se volete trovare idee per le startup, sarebbe meglio trovare un lavoro estivo in qualche settore non correlato.

Oppure non prendere lezioni extra e costruire cose. Non è un caso che sia Microsoft che Facebook abbiano iniziato a Gennaio. Ad Harvard questo è (o era) il periodo di lettura, quando gli studenti non hanno lezioni da seguire perché dovrebbero studiare per gli esami finali.

idee brillanti per costruire un'impresa

Ma non sentitevi obbligati a costruire qualcosa che diventerà startup. Questa è un’ottimizzazione prematura. Basta costruire le cose. Preferibilmente con altri studenti. Non sono solo le classi che rendono un’università un buon posto per proiettarsi nel futuro. Sei anche circondato da altre persone che cercano di fare la stessa cosa. Se lavori insieme a loro su progetti, finirai per produrre non solo idee organiche, ma idee organiche con team di fondatori organici – e questa, empiricamente, è la combinazione migliore.

Attenzione alla ricerca. Se un laureando scrive qualcosa che tutti i suoi amici iniziano a usare, è molto probabile che rappresenti una buona idea di startup. Mentre una tesi di dottorato è estremamente improbabile. Per qualche ragione, più un progetto conta come ricerca, meno probabilità ci sono che sia qualcosa che possa essere trasformato in una startup.

Penso che la ragione sia che il sottoinsieme di idee che contano come ricerca è così ristretto che è improbabile che un progetto che soddisfi tale vincolo soddisfi anche il vincolo ortogonale di risolvere i problemi degli utenti. Mentre quando gli studenti (o i professori) costruiscono qualcosa come progetto secondario, essi automaticamente gravitano verso la soluzione dei problemi degli utenti – forse anche con un’energia aggiuntiva che deriva dall’essere liberi dai vincoli della ricerca.

Startup e concorrenza

Perché una buona idea dovrebbe sembrare ovvia, quando ne hai una tendi a sentire che sei in ritardo. Non lasciate che questo vi scoraggi. Preoccuparsi di essere in ritardo è uno dei segni di una buona idea. Dieci minuti di ricerca in rete di solito risolvono la questione. Anche se trovate qualcun altro che lavora sulla stessa cosa, probabilmente non siete troppo in ritardo. È eccezionalmente raro che le startup vengano uccise dalla concorrenza – così raro che si può quasi scontare la possibilità. Quindi, a meno che non si scopra un concorrente con quel tipo di lock-in che impedirebbe agli utenti di sceglierti, non scartare l’idea.

Se non siete sicuri, chiedete agli utenti. La domanda se siete arrivati troppo tardi è sottintesa alla domanda se qualcuno ha urgente bisogno di quello che avete in mente di fare. Se avete qualcosa che nessun concorrente fa e di cui qualche sottoinsieme di utenti ha urgente bisogno, avete una testa di ponte.

La domanda allora è se quella testa di ponte è abbastanza grande. O, cosa più importante, chi c’è dentro: se la testa di ponte è composta da persone che fanno qualcosa che molte più persone faranno in futuro, allora probabilmente è abbastanza grande, non importa quanto piccola sia. Per esempio, se stai costruendo qualcosa che si differenzia dalla concorrenza per il fatto che funziona sui telefoni, ma funziona solo sui telefoni più recenti, probabilmente è una testa di ponte abbastanza grande.

I fondatori inesperti di solito danno ai concorrenti più credito di quanto meritino. Il vostro successo dipende molto più da voi che dai vostri concorrenti. Quindi meglio una buona idea con i concorrenti che una cattiva senza.

Non dovete preoccuparvi di entrare in un “mercato affollato”, purché abbiate una tesi su ciò che tutti gli altri stanno trascurando. In effetti è un punto di partenza molto promettente. Google era quel tipo di idea. La tua tesi deve essere più precisa di “faremo una x che non faccia schifo”. Devi essere in grado di esprimerla in termini di qualcosa che gli operatori storici stanno trascurando. La cosa migliore è quando puoi dire che non hanno avuto il coraggio delle loro convinzioni, e che il tuo piano è quello che avrebbero fatto se avessero seguito le loro intuizioni. Anche Google è stata un’idea del genere. I motori di ricerca che li hanno preceduti si sono allontanati dalle implicazioni più radicali di ciò che stavano facendo – in particolare che migliore era il loro lavoro, più velocemente gli utenti se ne sarebbero andati.

Un mercato affollato è in realtà un buon segno, perché significa sia che c’è domanda sia che nessuna delle soluzioni esistenti è abbastanza buona. Una startup non può sperare di entrare in un mercato che è ovviamente grande, eppure in cui non ha concorrenti. Quindi ogni startup che ha successo o entrerà in un mercato con i concorrenti esistenti, ma equipaggiata di qualche arma segreta che li porterà a tutti gli utenti (come Google), o entrerà in un mercato che sembra piccolo ma che si rivelerà grande (come Microsoft).

 

idee innovative startup

Filtri da disattivare per notare nuove idee

Ci sono altri due filtri che dovrete disattivare se volete notare le idee di avvio: il filtro unsexy e il filtro schlep.

La maggior parte dei programmatori vorrebbe poter avviare una startup semplicemente scrivendo un codice brillante, spingendolo su un server e facendo pagare agli utenti un sacco di soldi. Preferirebbero non occuparsi di problemi tediosi e non farsi coinvolgere in modo disordinato dal mondo reale. Il che è ragionevole, perché queste cose ti rallentano. Ma questa preferenza è talmente diffusa che lo spazio di comode idee per l’avvio è stato ripulito. Se lasciate che la vostra mente vaghi per qualche isolato lungo la strada verso le idee disordinate e noiose, ne troverete di preziose che aspettano solo di essere realizzate.

Il filtro schlep è così pericoloso che ho scritto un saggio a parte sulla condizione che induce, che ho chiamato cecità schlep. Ho dato Stripe come esempio di una startup che ha beneficiato dello spegnimento di questo filtro, ed è un esempio piuttosto sorprendente. Migliaia di programmatori erano in grado di vedere questa idea; migliaia di programmatori sapevano quanto fosse doloroso elaborare i pagamenti prima di Stripe. Ma quando hanno cercato idee per l’avvio non hanno visto questa, perché inconsciamente si sono ridotti a non doversi occupare dei pagamenti.

E trattare con i pagamenti è uno schlep per Stripe, ma non è intollerabile. In realtà avrebbero potuto avere meno dolore netto; poiché la paura di dover trattare con i pagamenti ha tenuto la maggior parte delle persone lontane da questa idea, Stripe ha avuto una navigazione relativamente agevole in altre aree che sono a volte dolorose, come l’acquisizione di utenti. Non hanno dovuto sforzarsi molto per farsi ascoltare dagli utenti, perché gli utenti aspettavano disperatamente quello che stavano costruendo.

Il filtro unsexy è simile al filtro schlep, tranne per il fatto che impedisce di lavorare sui problemi che si disprezzano piuttosto che su quelli che si temono. Abbiamo superato questo per lavorare su Viaweb. C’erano cose interessanti sull’architettura del nostro software, ma non eravamo interessati al commercio elettronico in sé. Abbiamo capito che il problema era un problema che doveva essere risolto.

Spegnere il filtro Schlep è più importante che spegnere il filtro unsexy, perché è più probabile che il filtro Schlep sia un’illusione. E anche nella misura in cui non lo è, è una forma peggiore di autoindulgenza. Avviare una startup di successo sarà abbastanza laborioso, a prescindere da tutto. Anche se il prodotto non comporta molte perdite, avrete comunque a che fare con gli investitori, assumendo e licenziando persone, e così via. Quindi, se c’è un’idea che pensate possa essere bella, ma che vi viene tenuta lontana dalla paura delle schleps coinvolte, non preoccupatevi: qualsiasi idea sufficientemente buona ne avrà altrettante.

Il filtro unsexy, pur essendo una fonte di errore, non è del tutto inutile come il filtro schlep. Se siete all’avanguardia in un campo che sta cambiando rapidamente, le vostre idee su ciò che è sexy saranno in qualche modo correlate con ciò che è prezioso e di valore nella pratica. Soprattutto quando si diventa più vecchi e più esperti. Inoltre, se trovate un’idea sexy, ci lavorerete con più entusiasmo.

 

La ricetta perfetta per creare una startup

Mentre il modo migliore per scoprire le idee di startup è diventare il tipo di persona che le ha e poi costruire qualsiasi cosa ti interessi, a volte non si ha questo lusso. A volte hai bisogno di un’idea adesso. Per esempio, se stai lavorando a una startup e la tua idea iniziale si rivela essere una cattiva idea.

Per il resto di questo saggio parlerò di trucchi per proporre idee di startup su richiesta. Anche se empiricamente è meglio usare la strategia organica, si potrebbe avere successo in questo modo. Devi solo essere più disciplinato. Quando si usa il metodo organico, non si nota nemmeno un’idea, a meno che non sia la prova che manchi davvero qualcosa. Ma quando si fa uno sforzo consapevole per pensare alle idee di avvio, si deve sostituire questo vincolo naturale con l’autodisciplina. Vedrete molte più idee, la maggior parte delle quali cattive, quindi dovete essere in grado di filtrarle.

Uno dei maggiori pericoli di non usare il metodo organico è l’esempio del metodo organico. Le idee organiche sono fonte di ispirazione. Ci sono molte storie di startup di successo che hanno avuto inizio quando i fondatori hanno avuto quella che sembrava un’idea folle ma sapevano che era promettente. Quando si ha la sensazione che su un’idea che si è avuta mentre si cercava di proporre idee di startup, probabilmente ci si sbaglia.

Quando si cerca un’idea, si cerca nelle aree in cui si ha una certa esperienza. Se siete esperti di database, non costruite un’applicazione di chat per adolescenti (a meno che non siate anche voi adolescenti). Forse è una buona idea, ma non potete fidarvi del vostro giudizio su questo, quindi ignoratela. Ci devono essere altre idee che coinvolgono i database, e di cui si può giudicare la qualità. Trovi difficile escogitare buone idee che coinvolgano i database? Questo perché la vostra competenza aumenta i vostri standard. Le tue idee sulle applicazioni di messaggistica sono altrettanto negative, ma ti stai dando un pass Dunning-Kruger in questo campo.

Il punto di partenza per iniziare a cercare idee sono le cose di cui hai bisogno. Ci devono essere cose di cui hai bisogno.

Un buon trucco è quello di chiedersi se nel suo precedente lavoro si è mai trovato a dire: “Perché nessuno fa x? Se qualcuno facesse x, la compreremmo in un secondo”. Se ti viene in mente una x di cui qualcuno ha parlato, probabilmente ne hai un’idea. Sai che c’è domanda, e la gente non lo dice di cose impossibili da costruire.

Più in generale, prova a chiederti se c’è qualcosa di insolito in te che rende le tue esigenze diverse da quelle della maggior parte delle altre persone. Probabilmente non sei l’unico. È particolarmente positivo se sei diverso in un modo in cui le persone lo saranno sempre di più.

come trovare idee startup

Se stai cambiando idea, una cosa insolita di te è l’idea su cui hai lavorato in precedenza. Hai scoperto qualche esigenza mentre ci lavoravi? Diverse startup ben note hanno iniziato in questo modo. Hotmail ha iniziato come qualcosa che i suoi fondatori hanno scritto per parlare della loro precedente idea di startup mentre lavoravano al loro progetto.

Un modo particolarmente promettente per essere insolito è quello di essere giovani. Alcune delle idee nuove più preziose attecchiscono per prime tra gli adolescenti e i primi ventenni. E mentre i giovani fondatori sono per certi versi svantaggiati, sono gli unici a capire veramente i loro coetanei. Sarebbe stato molto difficile per qualcuno che non fosse uno studente universitario iniziare Facebook. Quindi, se sei un giovane fondatore (diciamo sotto i 23 anni), ci sono cose che tu e i tuoi amici vorreste fare che la tecnologia attuale non vi permette di fare?

La cosa più vicina a un tuo bisogno insoddisfatto è il bisogno insoddisfatto di qualcun altro. Provate a parlare con tutti quelli che potete delle lacune che trovano nel mondo. Che cosa manca? Che vorrebbero fare che non possono fare? Cosa è noioso o fastidioso, soprattutto nel loro lavoro? Lasciate che la conversazione diventi generale; non cercate troppo di trovare idee per l’avvio. Stai solo cercando qualcosa che ti faccia scattare un pensiero. Forse noterete un problema che non si sono resi conto consapevolmente di avere, perché sapete come risolverlo.

Quando trovi un bisogno insoddisfatto che non è il tuo, all’inizio può essere un po’ confuso. La persona che ha bisogno di qualcosa potrebbe non sapere esattamente di cosa ha bisogno. In questo caso consiglio spesso ai fondatori di agire come consulenti – di fare quello che farebbero se fossero stati trattenuti per risolvere i problemi di quest’unico utente. I problemi delle persone sono abbastanza simili che quasi tutto il codice che si scrive in questo modo sarà riutilizzabile, e tutto ciò che non lo è sarà un piccolo prezzo per iniziare ad essere certi di aver raggiunto il fondo del pozzo.

Un modo per assicurarsi di fare un buon lavoro nel risolvere i problemi degli altri è quello di farli propri. Quando Rajat Suri di “E la Carte” ha deciso di scrivere un software per i ristoranti, ha trovato un lavoro come cameriere per imparare come funzionano i ristoranti. Può sembrare un po’ come portare le cose agli estremi, ma le startup sono estreme. Adoriamo quando i fondatori fanno queste cose.

Infatti, una strategia che consiglio alle persone che hanno bisogno di una nuova idea non è semplicemente quella di spegnere i loro filtri schlep e unsexy, ma di cercare idee che siano unsexy o che coinvolgano schleps. Non cercate di avviare Twitter. Queste idee sono così rare che non puoi trovarle cercandole. Fai qualcosa di poco sexy per cui la gente ti pagherà.

Un buon trucco per bypassare lo schlep e in qualche misura il filtro unsexy è quello di chiedere cosa vorresti che qualcun altro costruisse, in modo da poterlo usare. Per cosa paghereste in questo momento?

Dal momento che le startup spesso raccolgono le aziende e i settori industriali difettose, può essere un buon trucco per cercare quelli che stanno morendo, o che meritano di morire, e cercare di immaginare che tipo di azienda trarrebbe profitto dalla loro scomparsa. Per esempio, il giornalismo è in caduta libera al momento. Ma ci possono essere ancora dei soldi da fare con qualcosa di simile al giornalismo. Che tipo di azienda potrebbe far sì che in futuro la gente dica “questo giornalismo sostituito” su qualche asse?

Ma immaginate di chiederlo in futuro, non ora. Quando un’azienda o un’industria ne sostituisce un’altra, di solito arriva da un lato. Quindi non cercate un sostituto per x; cercate qualcosa che la gente poi dirà che si è rivelato un sostituto per x. E siate fantasiosi sull’asse lungo il quale avviene la sostituzione. Il giornalismo tradizionale, per esempio, è un modo per i lettori di ottenere informazioni e di ammazzare il tempo, un modo per gli scrittori di fare soldi e attirare l’attenzione, e un veicolo per diversi tipi di pubblicità. Potrebbe essere sostituito su uno qualsiasi di questi assi (ha già iniziato a esserlo sulla maggior parte).

Quando le startup consumano gli incumbent, di solito iniziano a servire qualche piccolo ma importante mercato che i grandi attori ignorano. È particolarmente positivo se c’è una commistione di disprezzo nell’atteggiamento dei grandi giocatori, perché questo spesso li inganna. Per esempio, dopo che Steve Wozniak ha costruito il computer che è diventato l’Apple I, si è sentito in dovere di dare al suo allora datore di lavoro Hewlett-Packard la possibilità di produrlo. Fortunatamente per lui, lo rifiutarono, e uno dei motivi per cui lo fecero fu che utilizzava un televisore per un monitor, che sembrava intollerabilmente déclassé a un’azienda di hardware di fascia alta come lo era all’epoca HP.

Ci sono gruppi di utenti trasandati ma sofisticati come i primi “hobbisti” del microcomputer che attualmente vengono ignorati dai grandi giocatori? Una startup che punta a cose più grandi può spesso catturare facilmente un piccolo mercato spendendo uno sforzo che non sarebbe giustificato solo da quel mercato.

Allo stesso modo, dato che le startup di maggior successo generalmente cavalcano qualche onda più grande di loro, potrebbe essere un buon trucco per cercare le onde e chiedersi come si potrebbe trarre beneficio da esse. I prezzi del sequenziamento genico e della stampa 3D stanno entrambi subendo un calo simile alla legge di Moore. Quali nuove cose potremo fare nel nuovo mondo che avremo tra qualche anno? Cosa stiamo inconsciamente escludendo come impossibile che sarà presto possibile?

Sviluppare un metodo organico nella creazione di nuove idee

Ma parlare di cercare esplicitamente le onde rende chiaro che tali ricette sono il piano B per ottenere idee per l’avvio. La ricerca delle onde è essenzialmente un modo per simulare il metodo organico. Se sei al limite di un campo che cambia rapidamente, non devi cercare le onde, tu sei l’onda.

 

Trovare idee di startup è un’attività sottile, ed è per questo che la maggior parte delle persone che ci provano fallisce così miseramente. Non funziona bene il semplice tentativo di pensare alle idee di startup. Se lo fai, ne trovi di cattive che suonano pericolosamente plausibili. L’approccio migliore è più indiretto: se hai il giusto tipo di background, le buone idee di startup ti sembreranno ovvie. Ma anche in questo caso, non immediatamente. Ci vuole tempo per imbattersi in situazioni in cui si nota che manca qualcosa. E spesso queste lacune non sembrano essere idee per le aziende, ma solo cose che sarebbe interessante costruire. Ecco perché è bene avere il tempo e la voglia di costruire cose solo perché sono interessanti.

Vivere nel futuro e costruire ciò che sembra interessante. Per quanto strano possa sembrare, questa è la vera ricetta.

 

 

Per avere maggiori informazioni su quali siano le migliori idee da cui partire per avviare una startup, passate sul nostro blog.

sviluppo app web roma centro

 

Translate »