Close
da-grandi-pop
15 Dicembre, 2017
Business

Come creare il tuo Brand

costruzione brand digital agency

Nel marketing, sembra che la parola “brand” sia molto usata – il leading brand, l’off-brand, il personal brand … insomma hai capito.

Ma c’è spesso confusione sul suo significato in un business. Cosa comporta? Devo assumere un esperto? la costruzione di un brand è costosa, giusto?
Fino all’ultimo punto, non necessariamente. A quanto pare, ci sono alcuni modi abbastanza creativi per brandizzare la tua attività senza spendere un sacco di soldi. Può richiedere un investimento di tempo ma  il ROI non passerà inosservato – in alcuni casi, può effettivamente aiutarti a risparmiare denaro e allo stesso tempo a far crescere la tua attività.

Costruire il tuo brand è una parte cruciale nello sviluppo del tuo business. Come vedrai di seguito, è la base per dare alla tua organizzazione voce, identità, valore e consapevolezza tra i consumatori. E, grazie all’abbondante numero di risorse, strumenti e piattaforme disponibili oggi, un brand potrebbe non essere oneroso (o costoso) come credi.

Quindi continua a leggere e scopri come utilizzare i sei passaggi seguenti come guida per la creazione del brand.

Le 6 fasi fondamentali nella costruzione di un brand

come-costruire-proprio-brand
1) Conosci la tua personas

Non è un caso che l’82% delle aziende con proposte di valore migliori utilizzi anche buyer personas  – i “personaggi” semi-romanzati che racchiudono le qualità di chi stai cercando di raggiungere.

Le esigenze, gli obiettivi e il comportamento dei tuoi potenziali clienti determinano il modo in cui trasmetti il ​​tuo prodotto o servizio. Comprendere queste cose ti aiuta a determinare che tipo di media usano i tuoi personaggi, cosa li motiva e dove “vivono” online. Puoi capire perché avere queste informazioni aiuta a sviluppare un marchio avvincente ed efficace: ti aiuta a raggiungere le persone giuste.

2) Sviluppa un’identità e una voce

Una volta identificati i tuoi acquirenti, il tuo brand può iniziare a prendere forma. Ciò comporta la creazione di una identity – le cose che rendono le persone consapevoli di ciò che è il tuo marchio – e la sua voce, che è il tono che usi in ogni copia o comunicazione pubblica.

Come scrittore, sono particolarmente interessato all’aspetto vocale – ma cosa ti piace? Capirlo significa seguire un processo non dissimile da quello usato per determinare la tua persona. Ma invece di rispondere a domande sul tuo pubblico di destinazione, stai rispondendo a domande un po’ più introspettive per il tuo marchio. Quali sono i suoi valori? Cosa rappresenta? Come vuoi che la gente parli di te?

Anche se non stai iniziando da zero, stabilire una forte branding voice può essere prezioso. Basta prendere l’esempio della Zoological Wildlife Foundation – durante il suo recente rebrand, trovare la propria voice era una priorità assoluta. I risultati? La sua presenza online complessiva è aumentata del 343%, con il solo traffico del sito Web che ha registrato un aumento del 63%.

consigli-costruire- brand

3) Avere una presenza coerente sui social media

Quindi, sappiamo chi sono i tuoi personaggi. E ora sappiamo cosa dire loro – e come dirlo. Ma dove sono?

Dato che potresti avere una visione chiara dei diversi segmenti del tuo pubblico, è importante capire dove trascorrono più tempo, soprattutto sui social media. Abbiamo già parlato di quanto sia efficace raggiungere le persone dove sono già presenti, compreso il loro comportamento online.

Ti consigliamo di esaminare i dati demografici sui social media di Pew Research Center, che descrivono gli utenti delle cinque principali piattaforme di social media: Facebook, Pinterest, Instagram, LinkedIn e Twitter.

Presta molta attenzione ai dati. Forse la maggior parte delle tue persone trascorre la maggior parte del tempo su un particolare network. Ciò non significa che dovresti ignorare gli altri, ma ti dà un’idea di dove dedicare più risorse.

E una volta stabilita dove posizionarti, mantieni la posizione. Quante volte sei passato alla pagina Facebook di un marchio per scoprire che non è stato pubblicato nulla negli ultimi tre mesi? Spesso immagino, e sicuramente non ha avuto un impatto positivo sulla tua percezione di quel marchio.

Ciò può essere evitato pianificando diligentemente i post sui social media come faresti con qualsiasi altro calendario di marketing. Questa è una parte enorme del rimanere attinenti al tuo pubblico – condividendo contenuti che riguardano ciò a cui probabilmente pensano in un determinato periodo dell’anno.

sviluppo app web roma centro

4) Blog

Abbiamo già parlato dell’importanza del blogging, e non possiamo davvero enfatizzarlo abbastanza. È una parte fondamentale della nostra metodologia in entrata, in particolare la fase di “attrazione”, quella che trasforma gli estranei in visitatori del tuo sito web.

In effetti, il blogging potrebbe essere il passo più fondamentale del tuo inbound marketing. Ti aiuta a raggiungere clienti qualificati, come le tue personas, creando contenuti informativi che corrispondono alle informazioni che stanno cercando. Ecco perché è così importante renderlo rilevante per questo pubblico: quando scrivi, assicurati che il contenuto sia ottimizzato per tali ricerche.

Credici – il tuo pubblico sta sicuramente cercando le informazioni che sei in grado di fornire – se ne scrivi. Dopo gli amici e la famiglia, i blog sono la terza fonte di informazioni più affidabile. Inoltre, tali contenuti serviranno anche come materiale da postare sui tuoi canali social, e abbiamo già parlato di come sia una parte cruciale nel branding.

Mentre il blogging è economicamente poco costoso, è sicuramente più alto il costo di passare del tempo occupandosene. Per questo, facciamo riferimento alla battuta di un dottore che chiede al suo paziente: “Preferiresti lavorare un’ora al giorno o essere morto 24 ore al giorno?” La versione di marketing in entrata di quella domanda chiederà: “Preferiresti il ​​blog per un’ora al giorno, o avere sempre contenuti insufficienti per attirare visitatori? ”

Per pianificare la tua presenza sui social media, avere un calendario editoriale per il tuo blog può essere utile per mantenere costanti tempistiche e nuovi contenuti.

come-sviluppare-brand

5) Rendere il servizio clienti una priorità

Quando sentiamo il nome “Zappos”, la maggior parte di noi pensa immediatamente, “un servizio clienti senza eguali.” Il rivenditore di abbigliamento online ha costruito questo livello di servizio nel suo approccio fondamentale per fare business – e nei suoi valori fondamentali.

Perché questo è così importante? Per Zappos, fare un eccellente servizio clienti è la pietra angolare del suo marchio ha effettivamente risparmiato sul marketing e sulla pubblicità. Questo perché ha creato passaparola tra i clienti esistenti e potenziali, che è ciò che chiamiamo earned media – il riconoscimento che il tuo brand ha guadagnato, non pagato, da persone che parlano di qualcosa di straordinario che hai fatto. (Psst – Le aziende statunitensi, nel loro complesso, perdono circa $ 41 miliardi di dollari ogni anno a causa del cattivo servizio clienti.)

L’obiettivo è creare un’esperienza piacevole e condivisibile. E quando l’esperienza del cliente è una priorità, non ci sono dubbi che ne parleranno – ricorda, il tuo lavoro ne trae un grande beneficio.

Ma ciò rivisita l’importanza della tua identità e della tua voice. Mentre passi attraverso queste fasi di costruzione del marchio, pensa ai valori che vuoi esprimere. Il servizio eccellente è uno di loro? Questi valori sono ciò che dà forma alla cultura del brand e influenzano l’immagine che proietti verso il pubblico.

6) Approfitta del co-branding

Non dimenticherò mai quello che mi ha detto una mia collega, quando le ho chiesto di negoziare accordi di co-branding.

“Le aziende più grandi possono avere una grande portata”, ha detto, “ma cosa non hanno?”

Quando stai iniziando a costruire un brand, potresti non avere la portata di cui parla la mia collega. Puoi prendere le misure per costruirlo, come abbiamo descritto finora, ma ci vuole tempo. Fino ad allora, un modo per far vedere il tuo nome a un pubblico più ampio è quello di collaborare con un marchio già affermato.

Ma non basta scegliere un vecchio marchio con cui lavorare. Assicurati che sia allineato con il tuo: la partnership deve avere senso nella mente del tuo pubblico. Ecco cosa consigliamo nella ricerca di un co-brand:

  • Considera il pubblico del tuo partner. Sarebbe interessato al tuo marchio? È così difficile per te da raggiungere senza questa partnership? Quanto ti fidi del tuo co-brand? È fondamentale che ascoltino  anche te – le persone non si fidano più delle pubblicità tradizionali. Quindi assicurati che il tuo partner raggiunga il pubblico in un modo che infonda sicurezza, non dubbi.
  • Hai qualcosa da offrire al tuo co-brand. Proprio come ha chiesto la mia collega, “che cosa non hanno?” L’esperienza dovrebbe essere una win-win-win: per te, il tuo co-brand e il consumatore.
  • Prendi in considerazione la possibilità di selezionare una non-profit ben nota e rispettata come co-brand. Sempre più decisioni in fase di acquisto delle persone si basano sulla responsabilità sociale di un marchio, infatti l’85% dei millennial afferma che è più propenso a raccomandare un marchio impegnato socialmente.

 

Costruire un marchio potrebbe sembrare un’impresa enorme, specialmente quando le risorse sono limitate. Ma come abbiamo visto, ci sono molti modi economici per non solo iniziare, ma per continuare a mantenere il ritmo che hai raggiunto con questi sforzi.

 

E per favore, divertiti con il processo. Naturalmente, ci deve essere un certo grado di strategia e logica, ma è un esercizio creativo, quindi tienilo a mente se ti impantani nei tecnicismi.

sviluppo app web roma centrosuggerimenti-fare-brand

Riccardo de Bernardinis è nato a Roma nel 1994, ha frequentato molti corsi in città americane tra Miami, Boston, Los Angeles e San Diego. La sua passione per la cultura americana lo ha portato ad iscriversi alla John Cabot, la prima università americana in Italia. Nel 2016 ha lanciato Ernesto.it, una delle principali piattaforme web e Apps nel mercato italiano dei servizi per la casa. Dopo un anno, ha chiuso il primo Round d' investimento con uno dei più importanti imprenditori sudamericani. Nei primi anni di lancio Ernesto è stato selezionato per i più prestigiosi programmi di accelerazione startup dove Riccardo de Bernardinis ha frequentato personalmente incontrando mentor e investitori da ogni parte del mondo. Tra questi, ha frequentato per 3 mesi Plug N Play Tech Center (Cupertino, Silicon Valley), B-Heroes (Milano), Tech Italia Lab (Londra) e Build it Up (Italia). Riccardo ha inoltre fondato Buytron, una prestigiosa software house specializzata in Apps, AI, Piattaforme Web, Branding e servizi digitali. La sua missione è innovare, trasformando l'analogico in digitale.

Translate »